MASSIMILIANO PERROTTA

www.massimilianoperrotta.it

Massimiliano Perrotta è nato a Catania il 3 settembre 1974 e vive a Roma.

Ha scritto e diretto gli spettacoli “Gli specchi” (2006), “Hammamet” (2008), “Filosofi da bar” (2010), “La bussola” (2012), “Paolo Sesto” (2013), “Altrove” (2015), “Sciroppo di lamponi” (2016), “San Martino campanaro” (2016), “Lorella Saputella” (2017).

Con la regia di Orazio Alba ha debuttato il suo monologo “Masino Scacciapensieri” (2015).

Con la regia di Walter Manfrè hanno debuttato i suoi drammi “I meneni” (2013), “Mare nostrum” (2014), “L’incantesimo” (2015); e il suo corto “Donatello” (2014) nell’ambito dello spettacolo “La confessione”.

È autore dei corti teatrali “Matilde di Canossa” (2008), “Gocce” (2009), “Il mantello” (2011), “Dopotutto” (2011), “L’impermeabile” (2012), “La bicicletta” (2013), “Pietro torna indietro” (2013), “Peonie” (2013), “Il Signor Corda” (2013), “Il corpo diplomatico” (2013), “Il solito angolo” (2014), “La casa” (2014), “La scala nascosta” (2014), “Miriam” (2014), “Casimiro” (2016), “Angelica” (2017), “Nulla osta” (2019).

Ha realizzato gli audiodrammi “Hammamet” (Sikeliana / Color Teatro, 2010) e “Fine di una giornata” (Kairos, 2017).

Ha pubblicato i libri “Cornelia Battistini o del fighettismo” (La Cantinella, 2006; traduzione in Francia: LC éditions, 2012), la versione teatrale del racconto “Fine di una giornata” di Sebastiano Addamo (La Cantinella, 2008), “Hammamet” (Sikeliana, 2010; anche in edicola con il Giornale di Sicilia; traduzione in Messico: Secretaría de Cultura de Jalisco, 2017), “Riva occidentale” (Sikeliana, 2017).

Tra i riconoscimenti: Premio Giacomo Matteotti della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il libro “Hammamet” (2011), Premio Silver Flower al Flower Film Festival per il video “Sicilia di sabbia” (2013), Premio Miglior Corto al Festival della drammaturgia italiana Schegge d’autore per “Pietro torna indietro” (2013) e “Angelica” (2018), Premio Volterra Ombra della Sera per il miglior spettacolo-evento italiano dell’anno per “I meneni” (2014). È stato tradotto in francese e in spagnolo.